Photos

Photographer's Note

For: lousat

Nel WS: more

Mio padre è nato da queste parti.

Cobra's dad was born here.


Uno sterminato altopiano con al centro elementi di eccezionale valore: la palude omonima che raccoglie rare specie floristiche e vegetazionali e che ospita uccelli acquatici, gasteropodi e anfibi; il monte orve ed il suo castelliere preistorico; le testimonianze archeologiche della città romana di Plestia. Il paesaggio intatto dei piani carsici e dei colli è quello, immutato della storia delle civiltà agricolo-pastorali dell'Appennino
Il Parco è compreso nel comparto dell'Appennino centro- occidentale, all'interno di un complesso di conche tettonico-carsiche pianeggiante e di grande estensione, compreso tra Umbria e Marche e denominato Altipiani di Colfiorito.
L'altipiano è composto da sette conche che costituiscono il fondo di antichi bacini lacustri, prosciugatisi sia naturalmente che per opera dell'uomo.
La Palude di Colfiorito è l'entità più significativa del complesso fenomeno: ha forma tondeggiante, superficie di circa ha 100 con fitta vegetazione acquatica. La Palude è stata dichiarata di interesse internazionale dalla convenzione di Ramsar per le caratteristiche della sua torbiera, per le ricchezze di specie vegetali e quale habitat eccellente per l'avifauna.
Il sistema dei piani è racchiuso dalle dorsali calcaree, scandito da sistemi collinari e gli Altipiani di Colfiorito segnano un grande cambiamento del paesaggio che da scosceso ed aspro diviene dolce ed ondulato.
Intorno ai piani carsici, in cima ai colli, sono i "castellieri", modello insediativo predominante dalla fine del X secolo a.C. fino alla conquista romana. Tra tutti i castellieri è compreso nel Parco quello di Monte Orve e, oltre all'abitato di Colfiorito, sono interni all'Area Naturale Protetta i resti dell'antica città di Plestia. Il territorio degli altipiani è utilizzato, oltre che per le coltivazioni tradizionali dei cereali e dei foraggi, soprattutto per quelle delle lenticchie e delle patate rosse. La popolazione dell'area di gravitazione diretta del Parco è di circa 5.000 abitanti. Ancora sul territorio gravitante sul Parco sono insediati caseifici che trasformano il latte localmente prodotto in formaggi e ricotta di alta qualità. Il centro urbano di Colfiorito offre un buon livello di strutture ricreative e ricettive.

An immense plateau with exceptional values: the homonymous marsh gathering rare floral and vegetational species and aquatic birds, gasteropods, and amphibians; Mt. Orve and its prehistoric "castelliere"; archeological finds of the Roman town of Plestia. The impaired landscape of the karst plains and of the hills is that of the agricultural-pastoral history of the Apennine chain.
The Park is situated in the middle-western section of the Apennines, inside a huge karst tectonic plain between Umbria and Marche and called Altipiani di Colfiorito.
The plateau consists of seven basins which were once ancient lake basins, partially drained by a natural process and partially by man.
The Marsh of Colforito is the most important entity of this particular phenomenon: it is round, it has a surface of about 100 hectares, and a thick aquatic vegetation. The Marsh has been declared of international interest by the Ramsar Convention for the features of its peatbog, for its richness in vegetal species, and as an excellent habitat for the avifauna.
The system of plateaus is enclosed by the calcareous ridges, divided by hill systems. The Altipiani di Colfiorito mark a great change in the landscape which from steep and harsh becomes sweet and undulating.
Around the karst plains at the summit of the hills, there are the so-called "castellieri", typical settlements of the 10th century B.C. up to the Roman conquest. Among the "castellieri" of the Park there is the one of Mt. Orve and, besides the town of Colfiorito, the ruins of the ancient town of Plestia are situated within the Protected Area. The territory of the plateaus is not only exploited for the traditional cereal and fodder cultivations, but also for lentils and red potatoes. In the area there are about 5.000 inhabitants. Moreover, in the Park territory there are also cheese factories which transform the local milk into high quality cheese and ricotta. The urban center of Colfiorito offers several structures dedicated to entertainment and tourism.

Buin, Clementi, paololg, Fotocop has marked this note useful

Photo Information
Viewed: 1864
Points: 22
Discussions
Additional Photos by Roberto Innocenzi (cobra112) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 1685 W: 255 N: 1015] (15589)
View More Pictures
explore TREKEARTH