Photos

Photographer's Note

Vittorio Veneto is a city situated in the Province of Treviso, in the region of Veneto, Italy, in the northeast of the Italian peninsula, between the Piave and the Livenza rivers.
The river Meschio passes down through the town from Serravalle through the district which bears its name. The north of Vittorio Veneto is straddled by mountains including the majestic Mt. Pizzoc. To the east is the state park and forest of Cansiglio; to the west, the hill country including Valdobbiadene where prosecco is made; and to the south is the commercial town of Conegliano.

---------------------------------------------------
Vittorio Veneto è un comune di 29.169 abitanti della provincia di Treviso. La città è composta da quelli che un tempo furono due comuni distinti: Ceneda e Serravalle. È inoltre sede Vescovile della Diocesi di Vittorio Veneto. La città è attraversata dal fiume Meschio, affluente del Livenza.

Lungo le rive del Meschio, si possono ancora vedere non solo i resti degli antichi mulini ma anche delle filande, cartiere e lanifici che sorsero lungo il fiume a partire dal XVII sec. L'industria cartaria si sviluppò in zona grazie al clima secco e alla purezza dell'acqua del Meschio, ottima nei processi di lavorazione della carta; nel 1890 erano già attive le cartiere Bonaldi, Gava e Galvani.

L'arte della lana, introdotta a Vittorio Veneto dai fiorentini nel 1600, trovò ampio sviluppo nel 1860 con i lanifici Torres e Cini che esportavano panni, berretti e coperte verso l'Oriente e la Turchia. In questo settore nel 1930 si sviluppò la torcitura di Franco Marinotti che garantì lavoro a gran parte della popolazione locale. Importante fu lo sviluppo dell'industria serica che prevedeva l'allevamento del baco da seta negli Stabilimenti Bacologici e nelle abitazioni dei contadini e successivamente la lavorazione dei bozzoli nelle filande. In città, alla fine del XIX sec. erano attive circa una decina di filande dove erano impiegate soprattutto le donne. Lungo la pista ciclabile sono ancora visibili la filanda Sbrojavacca in zona Meschio e in località San Giacomo di Veglia, in via della Seta, si trova la filanda Banfi, recentemente restaurata. A San Giacomo è ancora esistente un mulino: il Molino De Barbù, uno degli antichi mulini censiti nel 1518 che deve il suo nome alla figura del mugnaio, un personaggio intrigante e al tempo stesso misterioso.

Photo Information
Viewed: 2523
Points: 46
Discussions
Additional Photos by Renzo Bonan (archimatica) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 1062 W: 153 N: 1407] (20648)
View More Pictures
explore TREKEARTH