Photos

Photographer's Note

INIZIO
Ermanno Giglio-Tos (25 March 1865 - 18 August 1926) was an Italian entomologist.
SCRIVE : Una grave minaccia per Cagliari : la bonifica dello stagno di Santa Gilla proposta dall'ing. Conti-Vecchi. Cagliari 1920. (infatti diviene : salina, petrolchimico (Rovelli S.I.R.)inceneritore, Porto Canale container.
Giglio-Tos was born at Chiaverano, Turin, and studied at the University of Turin from 1886 until 1896 under Michele Lessona. Later he was a professor at the University of Cagliari. He specialised in Diptera, Mantodea, Phasmatodea, Orthoptera and Blattodea. His collections are in the Turin Museum of Natural History. He died, aged 61, in his home city of Turin.
CENNI STORICI
La storia dello stagno è stata per lungo tempo associata alla pescosità delle sue acque e alla particolare posizione che lo rendevano adatto come porto per gli scambi commerciali.

Tracce di insediamenti umani nella laguna di Santa Gilla risalgono all'VIII secolo a.C., ma s'ipotizza che lo stagno fosse frequentato già dall'Età del Bronzo. Altri reperti archeologici rinvenuti sulla costa orientale della laguna fanno ipotizzare una presenza dei Fenici. Nel Periodo Punico e in quello Cartaginese era presente un insediamento urbano sulla costa orientale della laguna, con relativo porto. I reperti documentano attività economiche basate sul commercio e sulla pesca. In età Romana l'insediamento presso Santa Gilla perse d'importanza diventando un sobborgo della Karalis.

Nel Medioevo la regressione demografica interessò anche l'attuale Cagliari e Santa Gilla, chiamata allora Santa Igia, divenne il centro principale della zona, capitale del Giudicato di Calari e sede episcopale. Santa Igia era ubicata sul tratto di terraferma che si affaccia sulla laguna. L'isolotto di San Simone era raggiungibile solo via mare, tuttavia era un centro residenziale frequentato dall'aristocrazia. Le acque della laguna erano navigabili e permettevano l'accesso anche alle galere delle Repubbliche marinare: è infatti documentato che nel 1194 si svolse una guerra navale nelle acque della laguna fra Genovesi e Pisani per conquistare il predominio sul Giudicato di Calari.

Nel XVI secolo avvennero le prime sensibili trasformazioni: l'isola di San Simone venne collegata alla terraferma a est da un ponte di barche e tavole, detto Ponte della Scafa. Nello stesso periodo nell'isola si sviluppo un'attività agricola e venne costruita una casa colonica ancora esistente, mentre il fondale dello stagno subì drastiche modifiche in seguito ad interventi di bonifica idraulica (apertura di sbocchi sul mare aperto, dragaggi, incremento della profondità).

Nell'Ottocento l'ecosistema subì gravi interventi di degrado di cui i più rilevanti sono l'impiego come discarica industriale e l'apporto di terra di colmata per la costruzione delle ferrovie.

Nel 1920 si stipulò un accordo fra la società Contivecchi e lo Stato per l'estrazione del sale marino. L'area occidentale dello stagno venne bonificata e si realizzarono gli impianti di Macchiareddu. Questo evento ridimensiono l'attività della pesca, relegata alla laguna di Santa Gilla, nel settore occidentale. Le Saline di Macchiareddu, in particolare il bacino evaporante, rappresentano tuttavia un elemento paesaggistico integrato con lo stagno, anche se hanno influito notevolmente sulla dinamica della biocenosi vegetale e animale. L'importanza delle Saline, industria fiorente fino agli anni 70, è ormai relegata agli aspetti storici, ambientali e paesaggistici.

Il degrado vero e proprio ha avuto inizio nel secondo dopoguerra con l'inquinamento delle acque a causa degli scarichi industriali e civili confluenti nello stagno, la conseguente scomparsa definitiva dell'attività di pesca e la grave alterazione della composizione floristica e faunistica. La costruzione del Porto canale, avvenuta a cavallo fra gli anni settanta e ottanta, ha infine irrimediabilmente compromesso la parte di stagno più vicina a Cagliari, fra Sa Illetta e il vecchio borgo di pescatori di Giorgino.

Silvio1953 has marked this note useful

Photo Information
Viewed: 1535
Points: 6
Discussions
  • None
Additional Photos by Gianfranco Calzarano (baddori) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 1866 W: 124 N: 3543] (20341)
View More Pictures
explore TREKEARTH