Photos

Photographer's Note

Alberobello è un comune italiano di 11.040 abitanti della provincia di Bari, in Puglia. Il nome della città deriva dalla parola "albero"; poiché nell'antichita vi era una foresta di querce; e dalla parola latina "bellum" ovvero guerra; infatti le querce del luogo erano particolarmente adatte per costruire macchine da guerra (belliche). Celebre per le sue caratteristiche abitazioni, chiamate trulli, dichiarati patrimonio dell'umanità dell'UNESCO nel 1996.

In alcuni diplomi del XIV secolo il sito di Alberobello viene riportato col termine "Silva Arboris Belli", in riferimento di una zona ricca di fitta vegetazione, ma priva di insediamenti abitati stabilmente. Una prima antropizzazione dell'area prese avvio solo nei primi anni del XVI secolo su impulso del conte di Conversano Andrea Matteo III Acquaviva d'Aragona, figlio del celebre conte Giulio Antonio Acquaviva, caduto nel 1481 presso Otranto nella guerra contro i Turchi. Il conte Andrea Matteo introdusse dal feudo di Noci una quarantina di famiglie di contadini per bonificare e coltivare le terre, con l'obbligo di consegnargli la decima dei raccolti. Un suo successore, il potente conte Giangirolamo II detto il Guercio delle Puglie (1600-1665), che aveva eretto una casina di caccia ed una locanda in loco, iniziò la vera urbanizzazione della selva con la costruzione di un agglomerato di case. L'abbondanza di materiale sedimentario calcareo e l'autorizzazione del conte a costruire case solo con muri a secco senza l'uso di malta, che sono i caratteristici trulli, contribuì all'espansione dell'agglomerato urbano. Tale obbligo di far costruire case solo con pietre a secco fu un espediente del conte per evitare il pagamento dei tributi al Viceré spagnolo del Regno di Napoli secondo la Pragmatica de Baronibus, legge in vigore fino al 1700 secondo la quale la costruzione di un nuovo centro abitato comportava in primo luogo il Regio assenso e il consecutivo pagamento dei tributi da parte del Barone alla Regia Corte. Infatti nel 1644, in seguito di denuncia fatta dal duca Caracciolo di Martina Franca fu ordinata una ispezione regia. Per prevenirne gli effetti il conte Giangirolamo ordinò ai coloni di demolire le abitazioni e allontanarsi temporaneamente dall'area. Ciò avvenne in una sola notte, cosicché gli ispettori regi trovassero solo pietre sparse.
Alberobello rimase feudo degli Acquaviva d'Aragona per diverse generazioni di conti, fino al 27 maggio 1797, quando il re Ferdinando IV di Borbone accolse l'istanza degli alberobellesi ed emanò un decreto con il quale elevava il piccolo villaggio a città regia, liberandola dalla servitù feudale.
WIKIPEDIA

-----------------

Model showing the typical construction tecnique of a trullo of Alberobello
The roofs are constructed in two layers: an inner layer of limestone boulders, capped by a keystone, and an outer layer of limestone slabs ensuring that the structure is watertight. Originally, the conical structure would have been built directly on the ground, but most of the surviving structures are based on perimeter walls. In Alberobello atop a trullo's cone there is normally a pinnacle, that may be one of many designs, chosen for symbolism. Additionally, the cone itself may have a symbol painted on it (as shown in the picture of the trulli in Alberobello.) Such symbols may include planetary symbols, the malocchio (evil eye), the cross, a heart, a star and crescent, or quite a few others.
The walls are very thick, providing a cool environment in hot weather and insulating against the cold in the winter. The vast majority of trulli have one room under each conical roof: a multiroomed trullo house has many cones representing a room each. Children would sleep in alcoves made in the wall with curtains hung in front.
There are many theories behind the origin of the design. One of the more popular theories is that due to high taxation on property the people of Puglia created dry wall constructions so that they could be dismantled when inspectors were in the area.
Today the surviving trulli are popular among English and German tourists and are often bought and restored for general use. However, anyone wishing to restore a trullo needs to conform with many regulations as trulli are protected under the United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization (UNESCO) world heritage law.

bartekp has marked this note useful

Photo Information
Viewed: 3232
Points: 12
Discussions
  • None
Additional Photos by andrea grigolo (grigand) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 957 W: 93 N: 1816] (20290)
View More Pictures
explore TREKEARTH