Photos

Photographer's Note

Non sempre alla perfezione formale corrisponde la migliore sostanza.Questo a mio parere è un esempio.Mattinata di nebbia, per Piacenza, città della pianura padana, un qualcosa di consueto.Ma per un fotografo non certo la migliore condizione possibile.Molte foto d'interni, chiese, palazzi, ma poi, subito dopo pranzo, il cielo si apre e lascia spazio ad una luce meravigliosa.In un vicolo a ridosso della cattedrale, la luce intensa e calda crea un bell'insieme architettonico mettendo in risalto i molti colori degli edifici.Edifici che, come un sipario, si aprono lasciando spazio alla scena.La leggera distorsione dovuta alla lente fa apparire le singole costruzioni come lievemente curve sullo spettatore, dando un'impressione non minacciosa bensì positiva, quasi un volerlo accompagnare.La cattedrale di Piacenza, come altre dell'area (Fidenza, Parma, Modena, Cremona, etc.) è un edificio romanico con innesti gotici successivi costruito tra il 1122 ed il 1233.La facciata è a capanna, in marmo veronese (da qui il colore rosaceo della pietra alla sinistra) ed arenaria, ed è tripartita da pilastri.I tre portali sono riparati da protiri a loggia ed adorni di sculture opera di maestranze locali (WS n°1).Nell'interno (WS n°2), di particolare interesse il ciclo di affreschi che decora la cupola, opera del Morazzone portata a termine dal Guercino (pittore emiliano del XVII° secolo) che è autore anche delle Sibille nelle lunette sottostanti.Altra nota di merito per l'ancona lignea policroma (1447) sull'altare all'interno del presbiterio.

Not always to the formal perfection corresponds the best substance.In my opinion this is an example.Foggy morning, for Piacenza, city of the Po Valley, it's something usual.But for a photographer certainly this is not the best possible condition.Many indoor photos, churches, palaces, but then, right after lunch, the sky opens leaving room to a wonderful light.In an alleyway close to the cathedral, the intense and warm light creates a beautiful architectural whole bringing out the many colours of the buildings.Buildings that, like a curtain, open leaving room for this scene.The slight distorsion caused by the lens makes appear the single constructions as slightly bent over the observer, creating an impression not threatening but rather positive, as if wanting to go with him.Piacenza's Cathedral, like other of the same area (Fidenza, Parma, Modena, Cremona et cetera), is a Romanesque building with subsequent Gothic additions built between 1122 and 1233.The facade is "a capanna" (?, maybe gabled...), of Veronese marble (hence the pinkish colour of the stone at the left) and sandstone, and it's tripartite by pillars.The three portals are sheltered by loggia porches and adorned with sculptures work of local workers (WS n°1).In the interior (WS n°2), with some particular interest is the frescoes' cycle decorating the dome, work of Morazzone completed by Guercino (an Emilian painter of the seventeenth century) who is also the author of the Sybils in the lunettes beneath.Another deserving masterwork is the wooden polychrome altarpiece (1447) in the presbitery.

Photo Information
Viewed: 1214
Points: 30
Discussions
  • None
Additional Photos by Alessio Vergassola (Ilducabianco) Gold Star Critiquer/Silver Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 178 W: 31 N: 192] (940)
View More Pictures
explore TREKEARTH