Photos

Photographer's Note

Rome – Villa Torlonia - Casino Nobile

Da Wikipedia:

Il Casino Nobile o Casino Principale è un edificio di Villa Torlonia, villa di Via Nomentana a Roma.
Dall'ingresso della Villa si accede mediante un piccolo vialetto alberato in terra battuta e ghiaia (seconda traversa a destra del piazzale interno d'accesso) che immette ad uno scalone che a sua volta introduce ad un ampio spiazzale ov'è l'ingresso del Casino.

Storia
Quando Giovanni Torlonia acquistò il fondo agricolo della Vigna Colonna nei pressi della Via Nomentana commissionò Giuseppe Valadier il restauro degli edifici compresi nel fondo della vigna.
I primi lavori di restauro e di ampliamento del Casino durarono dal 1802 al 1806 e compresero stucchi e riassetto quadri interni (alcuni dei quali sono stati spostato nella sala interna del Casino detta a "Berceau").
Alla morte di Giovanni Torlonia i lavori di miglioria e di ampliamento dello stabile furono continuati da parte del figlio Alessandro Torlonia chiamando altri artisti.
L'idea di Alessandro era quella di rendere monumentale l'ingresso dello stabile inserendo un vestibolo sulla facciata.
Sul frontone venne inserito un altorilievo in terracotta rappresentante una scena di Trionfo di Bacco realizzata da Rinaldo Rinaldi.
Il piano terra ed il piano nobile avevano funzione di rappresentanza e le sale avevano decorazioni a tema variabile da sala in sala.
Il seminterrato ed il 2º piano erano adibiti ad alloggi per la servitù.
L'accesso al livello seminterrato era garantito da una galleria sotterranea ancora oggi esistente.
Dal piano seminterrato si accede a 2 bunker fatti erigere da Mussolini e ad una sala ipogea:
• un bunker è antigas,
• l'altro è antiaereo,
• la sala ipogea è stata rinvenuta tramite recenti lavori di ristrutturazione dell'edificio.
Le decorazioni e gli arredi, realizzati da Giovan Battista Caretti della sala sono a renderla simile ad un sepolcro etrusco.

L'aspetto

L'esterno

La facciata, originaria del Valadier, è costituita da un pronao composto di un porticato al pianterreno, mentre al primo piano è formato da un loggiato e colonne con capitelli in stile ionico che sorreggono un frontone triangolare con un altorilievo.
La parte inferiore di questa facciata era formata da una base d'appoggio a bugnato con parti imitanti il travertino. Qui, anticamente, era consentito l'accesso alle carrozze.
Nell'atrio sono conservati due sculture: una "Base moderna con frammento di sarcofago antico" della IIª metà del III secolo d.C. e una "Base moderna composta da un'ara antica" di tarda età flavia (fine I secolo d.C.-primi anni del II secolo d.C.).
• La "Base moderna con frammento di sarcofago antico" è in marmo di Carrara e marmo greco insulare.
Nell'altorilievo vi è raffigurato un leone che azzanna un cinghiale, ipotesi vogliono datata l'opera negli anni 270-280 per via degli effetti di chiaroscuro delle ciocche della criniera del leone creati col trapano.
Nel pelame e nel muso del cinghiale sono presenti effetti in contrasto con elementi di epoca precedente[5].
• La "Base moderna composta da un'ara antica" è in marmo di Carrara e marmo lunense.
La parte frontale della Base moderna è realizzata da pilastri squadrati a capitelli a forma di aquile che spiccano il volo
Il fregio è ad acanto, girali vegetali, un toro ed un leone.
Un'iscrizione latina fa supporre la presenza sulla base di un bronzo romano
Le facce laterali sono decorate con un urceus ed una patera umbelicata che fanno supporre un rito sacrificale in onore di un defunto

L'interno

Il Museo della Villa
Nell'interno si trovano il Museo della Villa ed il Museo della Scuola Romana più un seminterrato chiuso al pubblico.
Questo museo è sito al pianterreno ed al piano nobile Casino Nobile.
Questo museo raccoglie quanto raccolto nella Villa Torlonia e dalle collezioni della famiglia Torlonia (gran parte dei materiali, tuttavia, ancora in possesso della famiglia, sono in un palazzo di Via della Lungara).
Tra le opere esposte vi sono:
• delle sculture di Bartolomeo Cavaceppi;
• degli altorilievi di Antonio Canova ritrovati mediante un ritrovamento fortuito nei sotterranei del teatro di Villa Torlonia
• la camera da letto di Giovanni Torlonia (con letto e mobilie utilizzati, tra l'altro da Mussolini durante la sua permanenza nella Villa dal 1925 al 1943

ikeharel, cornejo, Cricri has marked this note useful

Photo Information
Viewed: 513
Points: 34
Discussions
  • None
Additional Photos by Romano Lattanzi (Romano46) Gold Star Critiquer/Gold Note Writer [C: 1090 W: 0 N: 2643] (16582)
View More Pictures
explore TREKEARTH